Storia del quadro della Madonna di Pompei- Pag.1 - DIMORARIVOTORTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia del quadro della Madonna di Pompei- Pag.1

Maria la Mamma > La storia...
Pag.1

Storia del quadro della Madonna di Pompei

L'icona della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei (alta cm 120 e larga cm 100) presenta l'immagine della Madonna in trono con Gesù in braccio; ai suoi piedi, san Domenico e santa Caterina da Siena. La Vergine reca nella mano sinistra la corona del Rosario che porge a santa Caterina, mentre Gesù, poggiato sulla sua gamba destra, la porge a san Domenico. In questo quadro si possono riconoscere tre grandi spazi. Lo spazio in alto, nel quale l'umile ma solenne figura di Maria in trono invita la Chiesa a portarsi verso il mistero della Trinità. Lo spazio in basso è quello della Chiesa, il corpo mistico, la famiglia che ha in Gesù il suo capo, nello Spirito il suo vincolo, in Maria il suo membro eminente e la sua Madre. Lo spazio laterale, rappresentato dagli archi, porta al mondo, alla storia, verso cui la Chiesa ha il debito di essere "sacramento", offrendo il servizio dell'annuncio evangelico per la costruzione di una degna città dell'uomo. La via che unisce questi spazi è il Rosario, sintesi orante della scrittura, posta quasi come fondamento ai piedi del trono, e consegnato dal Figlio e dalla Madre come via di meditazione e assimilazione del Mistero. Quest'icona fu data a Bartolo Longo da Suor Maria Concetta De Litala, del Convento del Rosariello a Porta Medina di Napoli. La religiosa l'aveva avuta in custodia da padre Alberto Radente, confessore del Beato. Per trasportarlo a Pompei, il Longo l'affidò al carrettiere Angelo Tortora che, avvoltala in un lenzuolo, l'appoggiò su di un carro di letame. Era il 13 novembre 1875, data di nascita della Nuova Pompei, ricordata ogni anno con una giornata di preghiera, durante la quale i fedeli, ammessi alla venerazione diretta del Quadro, affidano alla Vergine le loro speranze. È straordinario vedere come, fin dalle prime ore del mattino, migliaia e migliaia di persone di ogni età, provenienza e ceto sociale, si mettano ordinatamente in fila ed attendano, anche diverse ore e, talvolta, in situazioni climatiche veramente difficili, per stare più vicini alla Madonna ed esprimerle con affetto i loro sentimenti più intimi. ...continua



Madonna del Santo Rosario di Pompei

  • Storia del quadro della Madonna di Pompei- Pag.1
  • Storia del quadro della Madonna di Pompei- Pag.2


Beato Bartolo Longo

 Nel Tempio di Pompei con il linguaggio della pittura, della musica, dei marmi, delle pietre preziose, si può dire che tutto il mondo ha cantato alla Vergine Nazarena l'antico cantico di Gabriele: Ave Maria! Bartolo Longo

 
Torna ai contenuti | Torna al menu