I Fioretti - DIMORARIVOTORTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

I Fioretti

L'opera dei Santi > Un fioretto

Un fioretto di S. Giuseppe da Copertino 
Padre Bonaventura

Quando S. Giuseppe da Copertino era ancora un giovane frate usciva ogni giorno dal convento, insieme ad un confratello, per la questua. Andare a piedi verso il paese era un tragitto lungo che poteva risultare noioso dopo averlo percorso tante volte, cosìcché quel giorno il confratello suggerì a Giuseppe di recitare, ognuno per proprio conto e silenziosamente, tante Ave Maria finché fossero arrivati.
Giunti in paese il fraticello disse: "Io sono arrivato a cento Ave Maria, così tante ne ho dette durante il tragitto e tu? Quante ne hai recitate tu?". Il confratello chiedeva, ma Giuseppe non rispondeva. Dietro le numerose insistenze dovette cedere e, abbassando la testa umilmente disse. "Non ho ancora finito la prima!". Il fatto è che Giuseppe, ogni volta che vedeva o parlava con la "cara mamma sua" come chiamava la Madonna entrava in estasi! Fonte: qumran2.net

I buoni propositi da recitare se è possibile durante la settimana

  1. Pregare 10 Ave Maria affinchè' i giovani conoscano e corrispondano alla propria vocazione.
  2. Pregare 3 Gloria al Padre a Gesù Bambino, chiedendogli di conservare i bambini nell'innocenza.
  3. Partecipare alla Santa Messa e chiedere a San Francesco d'intercedere presso Dio per L'Italia.
  4. Recitare una preghiera prima del proprio lavoro seguendo l'esempio della Mamma nostra Maria.
  5. Per restare costantemente uniti a Gesù durante il giorno, dire più volte questa breve giaculatoria."Gesù, Maria vi amo, salvate anime".
  6. Pregare 3 Ave Maria, mattina e sera per il trionfo del Cuore Immacolato di Maria.
  7. Invece di giudicare il prossimo, giustificarne le intenzioni e pregare per le sue debolezze.






San Giuseppe da Cpertino



 
Torna ai contenuti | Torna al menu