Le origini del Santo Rosario - DIMORARIVOTORTO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le origini del Santo Rosario

Maria la Mamma
Rosario, rimedio di tutti i 
mali, il mezzo più efficace  
per salvare il mondo. 
Bartolo Longo.
La preghiera del Rosario ha le sue radici in due bisogni tipici dell'animo orante: quello di supplicare Dio senza posa e la ripetizione propria della preghiera contemplativa. La tradizione, fino a qualche tempo fa, ne attribuiva la nascita a San Domenico. E', comunque, vero che i domenicani ne sono stati maggiori zelatori e promotori. Il Rosario vede la luce del secolo XII, con il suggerimento dato ai monaci illetterati di sostituire la recita dei 15o Salmi con altrettanti Pater o Ave. 
A prima vista, un espediente devozionale di ripiego, in realtà una forma complementare, di particolare valore contemplativo, per il suo carattere di concentrazione sul cuore del mistero cristiano
Nato così, il Rosario si sviluppa gradualmente, con l'apporto di tante mani docili "al soffio dello Spirito di Dio". La meditazione di momenti della vita di Gesù, attraverso le clausole cristologiche, ne accentua l'aspetto contemplativo, come facciamo a Pompei seguendo l'indicazione di San Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae. Il Rosario ha accompagnato per secoli innumerevoli cammini di santità, scandito ritmi di preghiera quotidiana, sostenuto la contemplazione di moltitudini oranti.


 
 



 
Torna ai contenuti | Torna al menu